0Item(s)
0 Items View Cart

You have no items in your shopping cart.

Product was successfully added to your shopping cart.

Co2

Elevati livelli di anidride carbonica possono far aumentare la velocità di crescita, un ottimo affare, magari anche raddoppiarla. Sembra che le piante che si evolvevano ai tempi primordiali con livelli naturali di CO2 erano parecchie volte più grandi di quelle attuali. La pianta usa la CO2 per la fotosintesi creando zuccheri che sono necessari per creare i tessuti. Elevati livelli di CO2 incrementeranno l'abilità della pianta di fabbricare questi zuccheri e la crescita della pianta ne beneficerà in modo determinante.

La CO2 può essere difficile da fabbricare in modo sicuro, poco caro e/o conveniente ed è costosa da immagazzinare in una cisterna. La CO2 è utilizzabile per la fioritura, visto che in questo periodo è quando la pianta è più densa ed ha le maggiori difficoltà a far girare l'aria tra le sue foglie. Se fate sempre la parte vegetativa indoor, (trasferendo le piante outdoor per fiorire) la CO2 non sarà un grande problema almeno che non abbiate una greenhouse sigillata, o un armadio o stanza da letto e vorrete incrementare il raccolto e far diminuire le tempistiche.

Per un operazione indoor di medie dimensioni, un approccio è di utilizzare i contenitori per le conserve casalinghe. Questo può sembrare costoso all'inizio, ma molto meno costoso sul lungo periodo. Questi sistemi sono ottimi non è molto grande o troppo piccola. Il sistema base di CO2 è composto così:

Contenitore da 20lb 99

Regolatore 149$

Timer o controllo da 10-125$

Riempitore 15-20$

Nel peggiore dei casi=395$ per il setup della CO2 sincronizzato ad una ventola in uscita con un termostato. La CO2 è facilmente prodotta bruciando gas naturale. Comunque il riscaldamento ed il monossido di carbonio necessita sempre di ventilazione verso l'esterno. La CO2 può essere ottenuta comprando o prendendo in leasing cilindri, troverete una scusa adatta se vi verranno fatte domande inerenti a cosa vi serviranno.

Per un piccolo armadio, un contenitore dovrebbe durare per 2 mesi, ma dipende da quanta CO2 si rilascia, quanto spesso la stanza è ventilata, ore del ciclo di luce, perdite della stanza, livello di arricchimento e metodi di dispersione. Questo metodo potrebbe essere eccessivo se lo spazio che avete è minimo. E' perfetto per lasciare costantemente una dose di CO2 nell'aria sopra le piante nel periodo che le ventole di ricircolo son spente.

Esistono opportunità di conservare la CO2, ma questo può essere costoso. Quando le luci sono spente, non necessitate di CO2, quindi durante la fioritura, utilizzerete la metà se avrete collegato il sistema CO2 al vostro timer. Quando la ventola è in funzione, la CO2 si deve fermare. Questo dovrebbe quindi arrivare alla metà, seguendo il ciclo di luce e questo beneficerà le piante e utilizzerete meno CO2.

A livello ambientale, utilizzare gas imbottigliato è meglio, visto che i produttori lo conservano come parte di processi inerenti a differenti materiali e viene quindi riciclato per ari utilizzi. Fermentazione, generatori di CO2, e soda per cucina, metodi per fare l'aceto generano nuova CO2 e partecipano all'effetto serra.

La generazione di CO2 dalla fermentazione e dai generatori è possibile. Un semplice generatore di CO2 può essere una stufa a propano. Questo funzionerà perfettamente, fino a quando i gas possono essere sparsi nell'area di coltivazione, e la ventola è utilizzata per tenere la CO2 calda (che andrà in alto) in circolazione e accessibile ai livelli più bassi dove sono le piante. Anche la ventilazione in uscita e il fuoco possono essere problemi. Una stanza che deve essere ventilata il 50% del tempo per gestire il calore ambientale della lampada e riscaldamento non riceverà abbastanza CO2 come una stanza che sia mantenuta non ventilata per ore consecutive. Comunque, i generatori di CO2 sono solitamente utilizzati solo per grandi operazioni.

La fermentazione o l'aceto sulla soda funzionano se non avete molti cicli di ventilazione, ma se avete abbastanza calore da tenere costante o realmente necessaria la ventilazione, questi metodi non sono pratici. Versate semplicemente l'aceto o la soda e chiudete la porta, (perderete la vostra CO2 appena i ventilatori cominceranno a funzionare.) Questo metodo lascia alcune perplessità, non è semplice da regolare automaticamente e richiede attenzione giornaliera. E' possibile comunque, creare CO2 dalla fermentazione, lasciate il vino diventare aceto e versatelo sulla soda. E' il metodo con il rapporto qualità prezzo migliore per molti coltivatori per i quali un investimento di 400$ in materiali è troppo.

Nella fermentazione, il lievito si elimina da solo e necessita di molto spazio. Necessiterete un barile grande per aggiungere acqua in modo che i livelli di alcol non crescano troppo da uccidere il lievito. Lo zucchero è utilizzato in modo rapido e per 10 lb vi serviranno 3.50$ più o meno e durerà 2-3 settimane. Questo è altrettanto difficile da calibrare per sapere quanta CO2 viene rilasciata. Un tubo che esca dalla sommità all'interno di un contenitore d'acqua farà delle bolle per dimostrare quanto CO2 viene rilasciata.

Provate l bicarbonato di sodio mescolato all'aceto, 1 cucchiaino: ~30cc- risolverà la questione e vi permetterà di avere la CO2 necessaria. Fatelo appena prima di chiudere la porta delle vostre piante. Un modo MOLTO meno costoso per dare CO2 è dato da 2 once di zucchero in 2 litri di acqua in bottiglia (sterilizzata con candeggina e acqua e risciacquata), più qualche cc di urina(!) o se insistete, nutrienti del lievito che potrete trovare da qualche rivenditore di casalinghi. Aggiungete lievito di birra, scuotete e mantenete a 25 gradi Celsius. Nelle prossime 2 settimane diventerà ½ oz di CO2 per ogni Oz di zucchero. Createne un paio allo stesso tempo (ogni 3 giorni) e avrete sempre la vostra riserva. Con l'aggiunta di CO2 la crescita è fenomenale!!!! Ho personalmente misurato 38cm di crescita in 8 giorni sotto una 250 Watt HPS (tubolare, montata orizzontalmente).

Un buon contenitore è un gallone di plastica che conteneva latte, con un buco nel tappo. L'aria potrà essere bloccata da un pezzo di tubo trasparente all'interno del contenitore riempito con acqua e terrà i microbi lontani e vi dimostrerà che la fermentazione funziona.

Una variante è spruzzare acqua con seltzer sulle piante due volte al giorno. Questo non è raccomandato da alcune personalità, ma riceve elogi da coltivatori che migliorano il proprio raccolto. La ragione è che funziona solo per uno spazio piccolo non ventilato è può essere adatto solo per alcune occasioni. Può inoltre diventare costoso se avrete molte piante da spruzzare. Usate il seltzer e non la club soda, visto che contiene meno sodio che può creare alcuni problemi alle piante. Lavate le piante con acqua dopo 2 o 3 spruzzate si seltzer. E' un lavoro complesso e non potrete automatizzarlo, ma magari è ottimale! Ricordatevi che stare con le piante è un'esperienza incredibile e vi porterà più vicino al vostro lato spirituale e alla terra. Il seltzer è facilmente reperibile nelle drogherie. La club soda funzionerà se il seltzer non sarà a vostra disposizione, ma contiene il doppio del sodio. Una soluzione molto diluita di Miracle Grow può essere spruzzata sulle piante alle stesso tempo. Un fattore nell'uso del seltzer è la crescita dei livelli di umidità. Assicuratevi che la ventilazione mantenga l'umidità adatta nel ciclo di buio, o rischierete funghi e la crescita della lunghezza di internodo.

ATTENZIONE: Non spruzzate troppo vicino alle cime calde! Spruzzate solo verso il basso o prima spegnete le lampade.

Anche se l'arricchimento con CO2 può garantire un 30/100% di raccolto in più, le difficoltà, le spese, lo spazio, il pericolo e il tempo impiegati sono l'altro lato della medaglia e anche la costante ventilazione. Fino a quando le piante hanno la possibilità di assumere CO2 costantemente dall'aria circa 200 ppm di CO2, le piante avranno i nutrienti necessari per la fotosintesi. La maggior parte dei piccoli spazi utilizzati necessitano di nuova CO2 ogni 2 o 3 ore al minimo. Nella maggioranza delle città ci sono alte concentrazioni di CO2 nell'aria e alcuni coltivatori non necessitano di arricchire l'aria delle piante con ulteriore CO2.

Alcuni coltivatori hanno riportato all'High Times che alti livelli di CO2 nella stanza di crescita vicino al raccolto diminuiscono la potenza delle piante. Può essere una buona idea smettere di dare CO2 almeno 2 settimane prima del raccolto.